tumori-pelleI tumori della pelle, anche quelli benigni, vanno trattati con la massima cura solo da medici specializzati e altamente qualificati: lo staff di Medici Insieme, a Bergamo, ha le competenze ideali per affrontare qualsiasi problema di questo tipo, potendo contare anche su macchinari d’eccellenza, per far sì che tutto si possa risolvere in maniera veloce, ma soprattutto definitiva.

Tanti sono i tumori cutanei, e le loro singole caratteristiche richiedono un trattamento di altissima qualità per tutelare al meglio la propria salute; il più diffuso è il carcinoma basocellulare: si tratta di proliferazioni delle cellule che si manifestano con placche rossastre, ulcerazioni o erosioni causate essenzialmente da eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti, dove “eccessiva “ è da intendere sia come prolungata che come breve, ma intensa.

Il tumore basocellulare compare soprattutto su volto, collo, spalle e dorso, che sono solitamente le parti più esposte, ma non solo; tutti sono soggetti a rischio, specialmente quelli con una carnagione chiara o gli anziani. Da non sottovalutare, poi, gli effetti che il sole può avere su chi lavora in strada ed è sottoposto per ore a raggi potenzialmente molto dannosi. Il tumore va diagnosticato allo stadio precoce, se si vuole trattare con più facilità: quando è di piccole dimensioni, poi, può essere anche asportato.

Quali sono i sintomi di questi tumori della pelle? Tra gli altri, possiamo ricordare: lesioni simili alle cicatrici di colore bianco o giallo; pelle rigida e lucente; ulcerazione che non si rimargina; macchie rossastre o aree irritate che compaiono su viso, petto, spalle o gambe; lesioni rosa con bordo leggermente rigonfio; altre protuberanze di vario colore presenti sull’epidermide.

Previo esame medico, è possibile intervenire sul tumore basocellulare in vari modi: tramite il curettage e l’elettroessiccazione, utilizzata più che altro per piccole lesioni e che va a raschiare il tumore dalla palle; la chirurgia micrografica di Mohs, che prevede l’asportazione di uno strato di tessuto tumorale che viene esaminato per poi ripetere la procedura fino all’asportazione totale; l’escissione chirurgica, cioè l’asportazione dell’intero tumore tramite bisturi; la radioterapia, che avviene colpendo coi raggi X il tumore senza anestesia né incisioni; la criochirurgia, che sfrutta il freddo congelando il tumore con azoto liquido; la terapia topica, che utilizza creme e gel per trattare le zone interessate.

Tra gli altri tumori della pelle spicca anche quello spinocellulare o squamocellulare: si tratta del secondo tumore più diffuso e ha origine da cellule squamose che emergono in varie parti del corpo (anche i genitali), soprattutto se esposte al sole; anche qui la causa principale è l’esposizione al sole, oppure il sottoporsi a lampade per l’abbronzatura. Anche in questo caso esistono diverse tipologie di intervento, tuttavia prima bisogna sottoporsi a un’accurata visita specialistica per fare in modo che il medico possa prendere tutti i provvedimenti del caso.